Giovedì 28 Maggio 2015, ore 8,15
DISTURBO BIPOLARE

“Alternativi al Pd”, l’exit strategy di Ncd

Fuori dal governo Renzi subito dopo il voto amministrativo? Per il viceministro Costa la data cruciale non è il 1° giugno, ma il 1° luglio del prossimo anno quando entrerà in vigore l’Italicum. “Lavorare a ricomporre le fratture interne al centrodestra”

Il fermento pre-elettorale e i possibili scenari del post agitano, anche, le acque di Ncd. Nel partito di lotta (per ricostruire il centrodestra) e di governo (del sempre più fagocitante Renzi) si levano più voci, non sempre consonanti, su quel che accadrà o non accadrà dopo le regionali di domenica prossima. “In sette regioni su sette che vanno al voto noi siamo in campo contro il Pd, alternativi a Renzi e alla sinistra per costruire un centrodestra diverso dal passato” dice Gaetano Quagliariello, coordinatore nazionale di Ncd, che all’orizzonte vede la nascita di “un nuovo contenitore moderato. Perché questa è la strada segnata anche dall’Italicum. E sarà un contenitore grande e inclusivo”. Quanto al rapporto tra Angelino Alfano, Raffaele Fitto e Flavio Tosi, l’ex ministro spiega: “Oggi le posizioni registrano una differenza rispetto alla presenza al governo. Noi riteniamo che la stagione delle riforme si debba completare, ma crediamo anche che da dopo le elezioni regionali bisognerà iniziare a mettere in campo strategie comuni, per diminuire progressivamente la distanza fra noi e non aumentarla. Anche rispetto al rapporto con il governo”. Assai più dura e netta la posizione di Nunzia De Girolamo che avvisa: “Dopo l’1 giugno si apre fase nuova. Area Popolare deve uscire dal governo”. L’ex titolare dell’Agricoltura del governo Letta segna lo showdown: “dobbiamo essere coerenti, lo dico da tanto, e non possiamo continuare a governare con Matteo Renzi. Da questo premier vedo solo tante slide e lavagne”. Parlando proprio nella città del premier, la De Girolamo ha spiegato la sua idea di abbandonare l’esecutivo: “Anche per coerenza, noi dovremmo uscire da questo governo, salutare Renzi, consegnarlo alla sua bella sinistra e fare in modo di costruire un’alternativa”. Una posizione quella della parlamentare campana che non sembra avere più seguito di tanto tra gli alfaniani, ma questo non significa che anche i più moderati e meno barricaderi abbiano intenzione si stare seduti sulla riva del fiume in attesa del 2018, data che Renzi continua a ripetere – sempre meno creduto – come fine naturale della legislatura. In questo scenario si inquadrerebbe anche l’iniziativa che secondo indiscrezioni attendibili starebbe maturando per iniziativa del viceministro alla Giustizia Enrico Costa. Un rassemblement in grado di pescare non solo nell’attuale elettorato di Ncd, ma anche e soprattutto in quel che resterà di Forza Italia e, perché no?, anche tra ex leghisti che hanno difficoltà a seguire il nuovo corso salviniano con derive estremiste. Costa conferma, ma nulla dice di più se non la sua intenzione di dedicarsi ancora di più alla politica, non rimanendo prigioniero del ruolo governativo. Una scelta, del resto, obbligata e che poggia sul calendario. Non quella delle imminenti regionali che vede Costa distante dalla concezione della De Girolamo – “Dopo il primo giugno non succederà nulla”, spiega allo Spiffero – bensì al luglio del prossimo anno. Se Renzi continua a fissare al 2018 la data delle elezioni politiche – è il ragionamento che Costa ha fatto con i suoi fedelissimi – non va dimenticato che la nuova legge elettorale entrerà in vigore l’estate dell’anno prossimo. Il che significa “attrezzarsi senza perdere tempo per avere liste forti e capaci di unire quel centrodestra che altrimenti nulla potrà contro il centrosinistra”. Fedeltà assoluta agli impegni di governo e all’alleanza: il messaggio di Costa alla De Girolamo e a chi chiede uscire dall’esecutivo è chiaro. E anche a questo concetto non mancano i fondamenti: “Se nel novembre 2013 non avessimo fatto la scelta di governare insieme al Pd e assicurare la stabilità, oggi Grillo sarebbe in una posizione ben diversa da quella e il nostro Paese avrebbe fatto la fine della Grecia. Questo è senso di responsabilità e lo rivendichiamo”. Detto ciò, avvicinandosi a quanto affermato da Quagliariello, Enrico Costa sembra deciso a marcare ulteriormente il posizionamento nel centrodestra e a rispondere così a quell’elettorato che non sempre comprende la scelta governativa e, soprattutto, rischia di orientarsi diversamente al momento del voto. Insomma, se Ncd rischiasse di risultare una costola, sia pure destra, del Pd, tanto vale votare il partito di Renzi. Ecco allora la necessità di lavorare, anche a livello di circoscrizioni, di territorio, per dare vita a un soggetto chiaramente di centrodestra in grado di superare le troppe e deleterie frammentazioni e arrivare in tempo per l’appuntamento elettorale. Che non è affatto scontato sia il 2018. E anche di questo, il vice guardasigilli di Mondovì, sembra tenere conto incominciando a lavorare a quel progetto. Da subito. Ovvero dal giorno dopo le Regionali.
Articolo completo
27 Maggio 2015, ore 15,25
PALAZZO LASCARIS

Antimafia, veto Pd sulla grillina No Tav

Alta tensione sul prossimo presidente della commissione per la legalità appena istituita. I pentastellati vogliono la pasionaria valsusina Frediani, ma i democratici temono strumentalizzazioni legate alla Torino-Lione e non intendono votarla

A poche ore dall’istituzione (all’unanimità) in Consiglio regionale della commissione speciale “con compiti di indagine conoscitiva per la promozione della cultura della legalità e il contrasto dei fenomeni mafiosi”, della concordia politica che ha animato la fase iniziale già si è persa traccia nel momento in cui sul piatto sono finiti i nomi dei... LEGGI TUTTO
27 Maggio 2015, ore 8,00
VENTO DEL NORD

Lega nel caos. Segretario detronizzato

A una settimana dall'elezione potrebbe essere già al capolinea l'esperienza di Morra a capo del Carroccio di Torino. Sei membri su 10 del direttivo si dimettono. Il numero uno replica: "A me nessuna comunicazione ufficiale". Rischio commissariamento

La Lega di Torino precipita nel caos. Ad appena una settimana dall’elezione del nuovo segretario Domenico Morra, sei membri del direttivo si sarebbero dimessi, facendo decadere anche lo stesso numero uno cittadino. La notizia circola da qualche ore negli ambienti di via Poggio, non è chiaro se le dimissioni siano state già forma... LEGGI TUTTO
26 Maggio 2015, ore 21,20
POLITICA & SANITA'

Sanità, ecco i budget per assumere

L'assessorato regionale dirama le tabelle con i conteggi suddivisi per singola azienda: la parte del leone dei primi 600 nuovi ingressi la fa, com'è naturale, la Città della Salute di Torino. Ma i direttori mugugnano: "Meccanismo farraginoso" - DOCUMENTI

Alla Città della salute di Torino spetta il record di disponibilità per le assunzioni di personale sanitario con un plafond di poco superiore al mezzo milione di euro, 531.422 per l’esattezza. E non poteva essere altrimenti viste le dimensioni dell’azienda e la necessità di personale che lamenta da tempo. E questo è solo uno dei dati contenuti ne... LEGGI TUTTO
26 Maggio 2015, ore 22,38
FIANCO DESTR

A giugno nasce il partito di Fitto

Anche in Piemonte un pezzo di Forza Italia si prepara al D-day (e alla definitiva frattura). Una grande convention per ridare casa e prospettiva ai moderati e riformisti del centrodestra. Il modello è Cameron per rivolgersi ai "ceti produttivi" delusi

È il modello di David Cameron quello a cui Raffele Fitto guarda e si ispira per rilanciare il centrodestra in Italia. Lo ha ribadito nel corso dell’incontro a Montecitorio con i vertici dei Conservatori e Riformisti europei, Syed Kamall e Geoffrey Van Orden. “Un modello quello di Cameron a cui guardiamo e... LEGGI TUTTO
26 Maggio 2015, ore 21,08
LIBERALIZZAZIONI

Uber stoppata dalla lobby tassinara

Un giudice milanese dispone il blocco del servizio in tutta Italia: “è concorrenza sleale”. Ma viola norme di un settore anchilosato da decenni e monopolizzato dalla corporazione delle auto bianche, in combutta con la politica. Pronto il ricorso

Uber stoppata, questa volta dalla sentenza di un giudice milanese che, contraddicendo provvedimenti di altri colleghi, dispone il blocco del servizio. E le associazioni dei consumatori protestano. Proprio nel giorno in cui nel Consiglio Regionale del Piemonte l'assessore Francesco Balocco rispondendo alle interrogazioni di alcuni politici demandava la risoluzione... LEGGI TUTTO
Delicious
I più letti del Buco della serratura
Nominati i 16 direttori di Asl e Aso del Piemonte. Solo quattro gli uscenti riconfermati che però cambiano sede. Tre donne e alcuni "foresti". Preval...Articolo completo
Solo 6 donne tra i candidati al posto di direttore delle aziende sanitarie della Regione. Nove di essi sono attualmente in carica. Molti provengono da...Articolo completo
Alla presentazione delle linee strategiche per la “Torino Metropoli 2025” il sindaco si guarda bene dal rivelare le sue intenzioni. Una cosa è ce...Articolo completo
Terminata la selezione, la troika ha consegnato una short list piuttosto corposa, elenco da cui la Regione attingerà per scegliere i 16 nuovi manager...Articolo completo
Ultimi colloqui per la selezione dei direttori delle aziende sanitarie regionali. La Commissione consegnerà la rosa di 70-80 candidati da cui la Giun...Articolo completo
E' la numero uno dell'Asl di Alessandria, Baraldi: un passato di alti incarichi in Agenas e un procedimento della Procura di Pescara per violenza priv...Articolo completo
In un libro il racconto di 35 anni di Domenico Ricca, salesiano, cappellano del carcere minorile di Torino Ferrante Aporti. Un omaggio a don Bosco nel...Articolo completo
Fare la spesa da Eataly costa di più, e non perché i prodotti siano migliori. Da un raffronto con Esselunga, il supermercato della fighetteria si ri...Articolo completo
La versione fornita dall'assessore Saitta sulla vicenda del nosocomio della Valle Belbo non collima con le carte. Davvero è stato tenuto all'oscuro d...Articolo completo
Il Tar dà ragione ai cacciatori, contrari ai limiti imposti alla caccia del pennuto, e condanna l'amministrazione anche a risarcire i "danni" subiti...Articolo completo
Dicono che… nonostante le perplessità di qualcuno il radicale Silvio Viale dovrebbe entrare nel board del gruppo Pd in Sala Rossa. &E...Articolo completo
Lo Spiffero s.r.l. - P.I. 10402470016 - Reg. Trib. di Torino n°25/2011 - Direttore responsabile: Bruno Babando -  Coordinamento della redazione: Oscar Serra - © Riproduzione riservata salvo consenso della direzione - Contatti e comunicati: redazione@lospiffero.com - Pubblicità: commerciale@lospiffero.com