Sabato 30 Agosto 2014, ore 8,46
CAPITALISMO MUNICIPALE

Fassino accelera sulla superutility del Nord

Nelle stesse ore in cui Renzi è costretto a rinviare gli interventi sulle municipalizzate, il sindaco di Torino rilancia dal palco del Meeting di Cl la necessità di aggregare le società per costituire un grande player. La partita Iren si apre il 5 settembre

Se non ora quando? Forse tra un po’. Nelle stesse ore in cui il governo faceva uscire dal pacchetto dei provvedimenti gli interventi sulle Partecipate pubbliche, a Rimini Piero Fassino ribadiva la necessità di mettere rapidamente ordine nella giungla di società e aziende municipalizzate: una foresta di sprechi e inefficienze finite sotto la lente occhiutissima del commissario per la revisione della Spesa Carlo Cottarelli. “Ritengo che il progetto della superutility del Nord possa subire un’accelerazione alla luce dei cambiamenti che il governo vuole apportare all’interno delle partecipate” degli enti pubblici, ha affermato il sindaco di Torino anche nella sua veste di presidente dell’Anci al Meeting di Cl riferendosi al progetto per la realizzazione di una superutility da creare attraverso aggregazioni sul nocciolo Iren-A2a. Il rinvio della materia alla legge di stabilità, deciso ieri al Consiglio dei ministri, sembra non impensierire più di tanto Fassino che, evidentemente, considera irreversibile il processo di aggregazione, anche partendo da una serie di incentivi (come quello di escludere dal patto di stabilità i proventi della cessione di quote, potendoli utilizzare anche negli anni successivi) per la vendita o le unioni delle proprie società pubbliche. “Si sta riproponendo il tema di creare in Italia delle superutility. Il problema è quello della polverizzazione, tenendo conto che in Italia ci sono 4 big che operano nel campo dell’energia, 30 società medie e centinaia e centinaia di società piccolissime. Serve un processo di riaggregazione e di riorganizzazione”. Un dossier da tempo sulla scrivania dell’inquilino di Palazzo civico che proprio sul ruolo di attrazione di Iren – di cui il Comune di Torino è socio – intende giocare da protagonista. Già nei prossimi giorni, al tavolo di concertazione con i colleghi sindaci di Genova e Reggio, in agenda venerdì 5 settembre, convocato per procedere alla sostituzione dell’amministratore delegato, il tema della strategia impegnerà la discussione.
Articolo completo
29 Agosto 2014, ore 20,00
RIFORME

Sanità, Saitta prova a tagliare

L'assessore sposa il lodo-Muliere sul superamento della dualità tra Asl e Aso nella stessa provincia. La discussione parte da Alessandria ma presto potrebbe estendersi al resto del Piemonte. Coro di sì bipartisan al provvedimento

Una svolta tanto importante quanto inattesa nella riorganizzazione del sistema sanitario piemontese qual è il superamento della presenza nella stessa provincia di un’azienda sanitaria locale (Asl) e di un’azienda sanitaria ospedaliera (Aso), partirà da Alessandria, ma sarebbe meglio dire da Novi Ligure giacché la proposta è venuta ... LEGGI TUTTO
29 Agosto 2014, ore 14,55
CAPITALISMO MUNICIPALE

Iren, scossa ai piani alti

L'amministratore delegato De Sanctis a un passo dal siluramento, mentre il vice presidente Viero è in pole position per una prestigiosa carica governativa. Tra una settimana riunione dei sindaci per varare i nuovi assetti. Acquisizioni in vista

E' passato poco più di un anno dal varo del pletorico board di Iren che già alcune caselle sono sul punto di saltare. E non si tratta di tasselli marginali nel complesso puzzle che compone la cabina di comando della multiutility, se si pensa che nel giro di poche settimane a rimetterci le penne sarà quasi certamente l’amministratore delegato Nicola De Sanctis... LEGGI TUTTO
29 Agosto 2014, ore 18,20
SERGIO & SERGIO

“Con Marchionne più globali” Parola di Chiamparino, agente “Betulla”

Ennesimo attestato di stima del governatore verso il compagno di tante partite a scopone: “Ha impedito che gli alberi sul tetto di Mirafiori diventassero un bosco”. Oggi Torino ha più potenzialità, ma sul futuro non prende impegni. Manco noi

“La gestione di Marchionne ha impedito che le betulle sul tetto di Mirafiori diventassero un bosco e ha comunque dato a Torino una dimensione più globale e internazionale. Ora ha sicuramente più potenzialità di quelle che aveva nel 2004”. Ne è certo Sergio Chiamparino che intervenendo in Commis... LEGGI TUTTO
29 Agosto 2014, ore 8,00
PENTASTELLATI

M5s, “due anni di frustrazioni e errori”

Il capogruppo al Comune di Torino Vittorio Bertola auspica un cambio di passo in un movimento vittima di personalismi e invidie. Dalle intemperanze della deputata Castelli alle denunce della collega Bechis. E nella base monta il malessere

«Due anni di frustrazioni e di errori» a cui gli attivisti del Movimento 5 stelle hanno «assistito impotenti». Una via crucis per chi, come Vittorio Bertola, capogruppo pentastellato al Comune di Torino, tra i fondatori del Movimento nel capoluogo piemontese, dalla periferia dell’impero assiste alla “trasformazione”... LEGGI TUTTO
28 Agosto 2014, ore 16,30
ALBUM DI FAMIGLIA

Festa Pd, il nume è Cencelli

Togliatti e De Gasperi in soffitta, il vero ispiratore della kermesse "democratica metropolitana" di Torino è l'inventore della spartingaia. Esposito inserito a sua insaputa dà forfait. Il renziano Ricca accusa: "Una manifestazione del tutto autoreferenziale"

  Altro che De Gasperi o Togliatti. A vederla sotto l’aspetto della Festa “democratica metropolitana”, il vero nume tutelare del Pd di Torino è Massimiliano Cencelli. E che tra i lari e i penati la figura inclita del funzionario diccì, autore del celebre manuale, sia  l’autentico riferim... LEGGI TUTTO
Delicious
I più letti del Buco della serratura
Donato, uno degli arrestati nell'operazione San Michele, è iscritto al circolo di Venaria. Secondo la sua segretaria pensava molto alla politica. Mor...Articolo completo
Paradossalmente l’abolizione del vitalizio fa lievitare la busta paga degli eletti a Palazzo Lascaris: 1.600 euro in più a testa. La denuncia del M...Articolo completo
Non inganni la grottesca presenza dei Cetto Laqualunque: è il modus operandi della 'ndrangheta. Personaggi minori, facilmente condizionabili e manipo...Articolo completo
Le cosche volevano inserirsi nei lavori della Torino-Lione. Indagato il capo dell'Italcoge, azienda operante nel cantiere di Chiomonte. Uno degli arre...Articolo completo
In attesa della grande abbuffata delle nomine l’appetito viene stimolato dall’antipasto: una decina di partecipate di Finpiemonte devono rinnovare...Articolo completo
I tentacoli in Piemonte della cosca crotonese “Greco”. Le accuse sono associazione di tipo mafioso, estorsione, usura e traffico illecito di rifiu...Articolo completo
Lo storico torinese Papa manda in libreria un utile compendio sulla “peggior forma di governo eccezion fatta per tutte quelle finora sperimentate”...Articolo completo
Non è stata superata la soglia dei 500 milioni delle richieste di recesso. Lo dichiara in una nota il Lingotto che comunicherà i dati ufficiali giov...Articolo completo
Chiamparino e Saitta annunciano un percorso comune con tutte le Regioni. "Presto un tavolo tecnico", ma pare difficile trovare una sintesi in tempi br...Articolo completo
Fassino e Chiamparino chiamano a rapporto deputati e senatori per un incontro in vista dello Sblocca Italia e della Legge di stabilità. Fronte comune...Articolo completo
Dicono che... tra i candidati per il ruolo di dirigente del Turismo al Comune di Torino, l'assessore Maurizio Braccialarghe parteggi per Matteo...Articolo completo
Lo Spiffero s.r.l. - P.I. 10402470016 - Reg. Trib. di Torino n°25/2011 - Direttore responsabile: Bruno Babando - Coordinamento redazionale: Oscar Serra - © Riproduzione riservata salvo consenso della direzione - Contatti e comunicati: redazione@lospiffero.com - Pubblicità: commerciale@lospiffero.com