Martedì 25 Novembre 2014, ore 19,08
REGIONE PIEMONTE

Sanità, fuoco di fila contro Saitta

Partono siluri da maggioranza e opposizione sul riordino della rete ospedaliera. Vignale (FI): "Giunta scorretta, ha presentato i documenti a giochi fatti". Motta (Pd): "Sulla comunicazione tanto da lavorare". Giallo sull'emodinamica di Moncalieri

Hanno chiuso la stalla quando i buoi erano ormai scappati. E si son presi pure qualche incornata, da destra ma anche da manca. Sergio Chiamparino e Antonio Saitta, dopo aver reso nota la delibera sulla riforma ospedaliera solo quando questa era già stata approvata e addirittura arrivata al ministero, non potevano certo aspettarsi qualche buffetto dalle opposizioni e gli osanna dalla maggioranza al momento di presentare il piano, oggi, in Consiglio regionale. Una tattica, quella adottata dalla giunta, già criticata duramente quando il mistero aleggiava sui tagli delle rete ospedaliera, imposti dal Patto per la salute e dalla necessità di uscire al più presto dal piano di rientro. Tutti, chi più o chi meno, nel parlamentino regionale hanno accusato il presidente e l’assessore alla sanità di scarsa trasparenza. Il più duro è stato Gian Luca Vignale (Forza Italia) che ha parlato di “assoluta ed estrema scorrettezza della giunta che ha fornito ai consiglieri la delibera quando questa era ormai a Roma e solo dopo che il vicepresidente Aldo Reschigna era stato fatto oggetto di forti pressioni dalla minoranza perché venisse consegnato il testo” , leggermente più soft ma vista la sua posizione non certo tenera, la reprimenda della democrat astigiana Angela Motta: “Diciamo che sulla comunicazione abbiamo molti margini di miglioramento. Abbiamo la necessità di comprendere la riforma, per condividerla e farla condividere nei nostri territori”, ma non è purtroppo andata così, tant’è che la stessa Motta aprirà poi un capitolo su scelte fatte in corso Regina che riguardano l’ospedale astigiano e che lei stessa ha detto chiaramente di non condividere e di voler discutere “se non ci sarà la solita chiusura da parte degli uffici dell’assessorato quando si tratta di questioni che riguardano Asti”. Più plateale l'intervento della capogruppo della Lega Nord Gianna Gancia: debole nelle argomentazioni, stentorea nell'esposizione, ha però ottenuto ciò che cercava, un po' di visibilità. "Vergognatevi, criminali. Avete impedito il cambiamento per cinque anni", ha urlato sintetizzando il Cota-pensiero. Dal metodo, ovvero rendere nota la delibera e gli allegati a cose fatte, al merito, ossia le mille questioni dei territori e dei loro ospedali, il passo è breve. Ma tanto basta per rischiare di far prendere una brutta storta alla giunta Chiamparino. Che, pure oggi ha ribadito di essere disposta al dialogo e alle indicazioni, purché a costi invariati e senza demolire l’impianto della riorganizzazione. Riorganizzazione necessaria per passare l’esame del Tavolo Massicci, incassare al più presto uno sblocco parziale del turn over, uscire entro il 2015 dal piano di rientro ed evitare il fallimento, ma anche per sanare quegli errori fatti in passato e che, come ha spiegato Saitta “per quindici e più anni nessuno ha mai corretto. Oggi è arrivato il momento di farlo. Ha sbagliato il centrodestra, ma anche il centrosinistra. Noi dobbiamo rimediare, bisogna che la Regione faccia il suo lavoro”. Poi una stoccata a chi in passato “ha consentito che le politica sanitarie le facessero le lobby, che le decisioni le prendesse un gruppo di primari”. E a proposito di primari, l’assessore è andato giù duro su quelle “scelte fatte in passato che riducevano i posti letto, ma non i primari, arrivando ad avere queste figure anche a capo di reparti con appena cinque letti”. L’avvertimento è lapidario: “Non è più immaginabile che la politica possa continuare ad agire come in passato”. Il cambio imposto anche attraverso la prima invocata e ora spulciata delibera non è però un boccone digerito come un sorbetto, neppure dalla stessa maggioranza. “Chiudere il Valdese è stata una cattiveria della giunta precedente e – dice il democratico Nino Boeti (foto) – Saitta deve trovare la soluzione per recuperarlo all’interno della Città della Salute. Il San Luigi di fatto non ha mai svolto attività di Dea di secondo livello, e quindi bene la scelta del Mauriziano”. Ma restano tanti i temi da discutere. Dall’ospedale di Lanzo, “che deve rimanere un presidio e non solo un ambulatorio”. “Chiudere le emodinamiche – sempre a detta di Boeti – è un errore”. E proprio su questo tema si apre un giallo che rischia di scivolare in commedia (ma dell’assurdo). Nel piano presentato da Saitta, infatti, c’è la chiusura dell’emodinamica di Moncalieri, come sottolinea anche il capogruppo del Movimento 5 stelle Giorgio Bertola, il quale ricorda le battaglie dei democratici nella passata legislatura per salvare quel reparto del Santa Croce. A stretto giro, però, arriva una nota del sindaco Roberta Meo, peraltro impegnata nelle ultime battute di una intensa campagna per le primarie: “Nessuna chiusura dell’Emodinamica di Moncalieri, anzi il Santa Croce verrà ampliato con maggiori specialità per il Dea di primo livello e dal prossimo anno l’ospedale di Moncalieri sarà inserito nell’elenco degli edifici di salute pubblica che verranno ristrutturati”. A dare ampie garanzie è proprio l’assessore Saitta. Insomma giallo o commedia che sia, l’emodinamica di Moncalieri resta un rebus. Non l’unico. Ad Asti, per esempio, c’è un reparto per malattie infettive di ultima generazione, ad altissimo contenimento tanto da essere una dei riferimenti per le emergenze legate al virus Ebola. “Nella riorganizzazione è previsto che venga spostato da Asti ad Alessandria – ha denunciato Motta (foto) – Si chiude un reparti nuovo in un ospedale capiente, per sposarlo in una struttura ormai ingolfata da anni. Perché? Casi del genere non sono rari, come stanno emergendo sul territorio. Dall’oscuro futuro dell’ospedale di Nozza Monferrato alla sorte incerta del nuovo reparto con venti letti di riabilitazione funzionale di Ovada che sulla tabella è sparito. Altra questione sul tavolo, quella dei posti letto: “Se ne tagliano 2238 in tutto il Piemonte, pur aumentando quelli di continuità assistenziale, ma si diminuiscono. E i malati che fino ad oggi si utilizzano – si chiede Davide Bono del M5S – visto che ci sono Renzi e Chiamparino stanno improvvisamente meglio e non si ammalano più?”. (sr)
Articolo completo
25 Novembre 2014, ore 18,40
NERVI TESI

Scazzo Olimpico sul bando del Moi

Volano gli stracci tra il sindaco Fassino e l'assessore Passoni. Al centro della querelle la gara fantasma per l'aggiudicazione delle arcate, oggi occupate dai profughi. Il titolare del Bilancio lascia Palazzo Civico minacciando le dimissioni

Il primo round era andato in scena durante il Consiglio del 22 settembre, questa mattina al Comune di Torino sono tornati a volare gli stracci. Al centro della querelle il bando fantasma per le arcate del Moi, a lungo annunciato da parte della Città e ma... LEGGI TUTTO
25 Novembre 2014, ore 7,10
POLVERE DI STELLE

M5s, Bono ha un Grillo per la testa “Stiamo perdendo un sacco di voti”

Rispetto alle Politiche 2013 "siamo a un quarto di elettori e quasi a un terzo rispetto alle Europee 2014". Il leader dei grillini piemontesi punta il dito contro i litigi interni ed esorta il vertice nazionale a fare "un passo avanti". Ovvero pugno duro con i dissidenti

Beppe, dacci un taglio! Le due analisi sono uscite quasi in contemporanea: proprio mentre Grillo rilanciava la “sua” versione dei dati (elettorali), Davide Bono, luogotenente in terra piemontese, non stava tanto a menare il can per l’aia. “Se è vero che rispetto alle elezioni in Emilia Romagna del 2010, il M... LEGGI TUTTO
24 Novembre 2014, ore 15,24
DECADENZA

Forza Italia sotto shock: “Cambiare passo altrimenti Torino sarà una Caporetto”

Il senatore berlusconiano Malan analizza il voto emiliano con amaro sarcasmo: “In Piemonte abbiamo tenuto solo perché non ci sono state le elezioni”. E invita i dirigenti locali a lavorare per i prossimi appuntamenti con le urne a partire dalle amministrative

Rischiamo di fare la stessa fine dell'Emilia Romagna. È con una certa preoccupazione che il senatore pinerolese Lucio Malan osserva i dati delle Regionali e prova a prospettare cosa potrà accadere a Torino e negli altri capoluoghi di provincia tra un anno e mezzo. “La verità è che in Piemonte abbiamo tenuto solo perché non ci sono state le ele... LEGGI TUTTO
24 Novembre 2014, ore 15,13
REGIONE PIEMONTE

Ecco i grand commis di Chiamparino

Nominati gli otto direttori della Regione. Sulle loro spalle la macchina burocratica dell'ente. Fenu alla Competitività, Casagrande alla Cultura e Lepri alle Risorse finanziarie. Ma c'è chi storce il naso su Robino (area centrodestra) ai Trasporti

Sono stati nominati questa mattina dalla giunta presieduta da Sergio Chiamparino gli otto direttori della Regione Piemonte. Quello della Sanità, Fulvio Moirano, era già stato nominato all'indomani dell'insediamento della nuova Giunta con un bando ad hoc. Sono Giovanni Lepri alle Risorse Finanziarie, L... LEGGI TUTTO
24 Novembre 2014, ore 9,00
SINISTRATI

Pd, l’ala sinistra si smarca

Cuperlo a Torino per lanciare Sinistra Dem, “non una corrente o una componente, ma un Campo aperto a tutti”. Però nello stesso giorno è in calendario un’iniziativa di partito. Minoranza divisa in tre, antichi sodali in ordine sparso, rapporti tesi con Damiano

L’ala sinistra torna in campo. Così, mentre Matteo Renzi esulta per la “vittoria netta, 2 a 0” alle Regionali in Emilia Romagna e Calabria, il suo ex sfidante Gianni Cuperlo rinnova la squadra –  con la casacca di SinistraDem – decisamente ridimensionata rispetto a un anno fa, quando in Piemonte poteva contare su un team di p... LEGGI TUTTO
Delicious
I più letti del Buco della serratura
La situazione dei conti è drammatica e il governatore passa dal cesello alla mannaia. Giro di vite su personale e partecipate, riduzione dei costi de...Articolo completo
Rinvio a giudizio per il vicepresidente Pd della Giunta e per l'assessora Cerutti (Sel). A processo pure il capogruppo Gariglio e il numero due al Sen...Articolo completo
Si stringe il cerchio attorno ai politici che alle scorse elezioni regionali avrebbero compiuto irregolarità nelle autenticazioni. Blitz della polizi...Articolo completo
Dalle Agenzie per la casa all'Ente per il diritto allo studio, passando per il Csi. Oltre cento i candidati, padrini in fermento. Per l'Atc Gariglio l...Articolo completo
Ancora un rinvio sulla nomina dei direttori di piazza Castello. Da sciogliere i nodi in settori chiave come "Competitività", "Trasporti" e "Coesione...Articolo completo
Gabinetto di crisi in via Masserano. All'ordine del giorno della riunione di partito la vicenda delle autenticazioni delle liste alle scorse Regionali...Articolo completo
L'avvento di Renzi ha reciso le radici delle tradizionali culture politiche e alterato i processi di selezione (e formazione) del ceto politico. Nel s...Articolo completo
In un decennio sono quasi il 10% della popolazione. Nella media sono "ottimamente integrati e usufruiscono dei servizi", afferma il prefetto di Torino...Articolo completo
Con l'elezione in Regione di Ravetti nel Pd mandrogno è scattata la corsa per la successione al vertice provinciale del partito. Due candidati: Color...Articolo completo
Tornano a sfilare le organizzazioni di estrema destra capeggiate da Forza Nuova. La cornice è la periferia sud di Torino. Gli slogan: "Non c'è più...Articolo completo
Dicono che… le ultime ardite dichiarazioni dell’ex ministro Renato Balduzzi in merito alla sentenza Eternit della Cassazione, stridano...Articolo completo
Lo Spiffero s.r.l. - P.I. 10402470016 - Reg. Trib. di Torino n°25/2011 - Direttore responsabile: Bruno Babando - Coordinamento redazionale: Oscar Serra - © Riproduzione riservata salvo consenso della direzione - Contatti e comunicati: redazione@lospiffero.com - Pubblicità: commerciale@lospiffero.com