BORSA & BORSEGGIO

AAA cercasi giustizia in Unipol-Fonsai

Pubblicato Sabato 20 Aprile 2013, ore 8,41

L'acronimo sta per "Associazione Azionisti Attivi", nata per tutelare i piccoli risparmiatori delle due compagnie assicurative, danneggiati dagli aumenti di capitale. C'è chi ha perso il 99% del capitale investito. Una nuova Parmalat di cui però nessuno parla

Una mattanza di avannotti finiti in bocca ai pescicani della finanza. Risultato: risparmiatori dissanguati. La vicenda è quella relativa alla fusione Unipol- Fondiaria Sai, le due compagnie assicurative che nell’estate del 2012 hanno provveduto a un aumento di capitale enorme, di dimensioni spropositate. Successivamente a tale operazione, che ha bruciato gli investimenti di centinaia di piccoli risparmiatori in pochi giorni, noltissimi piemontesi, Unipol ha acquistato Fonsai. Tutti contenti, soprattutto le banche creditrici che hanno salvato i loro soldi (grazie ai 2,2 miliardi di ricapitalizzazione) e, ovviamente, i nuovi padroni del colosso finito nelle loro mani. A farne le spese, come nella vicenda Parmalat, i piccoli azionisti che hanno visto eroso il capitale investito fino al 99%. Già, perché in quelle concitate settimane di “salvataggio” le azioni Unipol vengono svalutate di quasi il 90% (la scelta è stata tra rimettere mano al portafoglio, sborsando altro denaro, oppure rassegnarsi a veder crollare le proprie azioni a un valore di 11,5 euro), peggio è capitato ai possessori di titoli Fonsai (costretti ad accettare un concambio di 252 a 1 o accettare il deprezzamento a 1,18 euro).

 

Un nucleo di soci fondatori, formato da azionisti danneggiati dagli aumenti di capitale, con l’assistenza e la collaborazione di esperti in materie giuridiche, economiche e finanziarie, ha dato vita nei giorni scorsi, presso lo studio del notaio Barbara Lombardo in Milano, all’Associazione Azionisti Attivi. «La scelta – spiegano i promotori - è stata dettata dalla volontà di non rassegnarsi al ruolo di vittime o di semplici spettatori in una vicenda che li ha colpiti duramente e direttamente, ma di essere protagonisti attivi nella lotta che li contrappone alle due società. Il tutto con la determinazione, l’attivismo, la grinta e, diciamolo, anche la rabbia, di chi è stato colpito in prima persona». Una vera e propria “guerra” che verrà combattuta su tutti i fronti: «non solo quello della sensibilizzazione della Magistratura al caso, e dell’azione legale, ma della denuncia mediatica in ogni sede possibile, istituzionale o privata».

Commenti (1) Commenti Commenta scrivi

Inserisci un commento

Invio
come vi posso contattare ?
Romy, 09.06.2013 18:13

Sono anch'io azionista Unipol interessata all'azione legale, come vi posso contattare ?

Delicious
I più letti del Marciapiede
Il ceo della banca Micheli comunica ai sindacati che 200 manager sono in esubero. Necessario un turnover per fare spazio alle giovani leve. Ma il vert...Articolo completo
Il numero uno della Fondazione starebbe meditando di lasciare. Al suo posto si annuncia la rentrée dell'ex vice presidente. Fassino non sarebbe contr...Articolo completo
Fassino spinge sull'acceleratore per la creazione della multiutility del Nord, ma l'ex ministro ha la testa altrove, a quella Telecom che spera di and...Articolo completo
L’ennesimo progetto di “lean banking” annunciato dall’ad Messina ricalca i due precedenti, sempre affidati alla potente società di consulenza...Articolo completo
Attorno al rinnovo dei vertici della Bre torna a scatenarsi la bufera sugli intrecci di potere e i conflitti di interesse. E la designazione di Falco...Articolo completo
Quattro senatori democratici censurano il comportamento del (loro) capo delle Ferrovie, colpevole di aver messo in discussione l'utilità del Terzo Va...Articolo completo
Altre notizie del Marciapiede
L’ennesimo progetto di “lean banking” annunciato dall’ad Messina ricalca i due precedenti, sempre affidati alla potente società di consulenza...Articolo completo
I soci del Lingotto oggi approvano i conti del 2013 e in estate ratificheranno la fusione con Chrysler e il cambio di sede: la prossima riunione si te...Articolo completo
Mentre salgono i toni tra i due rami della dinastia, si pensa a una gara di offerte per dirimere la contesa sulla proprietà della storica azienda ale...Articolo completo
L’ex banchiere del Papa è stato prosciolto dalle vicende giudiziarie e ora annuncia azioni legali contro chi l’ha diffamato, a partire da qualche...Articolo completo
Nel 2013 l'istituto di Ca' de Sass registra una perdita di 4,5 miliardi. Ma a rimetterci non saranno gli azionisti, che si spartiranno 822 milioni, be...Articolo completo
Dopo anni di scontri e ripicche, il ramo della famiglia che fa capo a Debora è pronto a rilevare l'intero pacchetto azionario della società per porr...Articolo completo
Lo Spiffero s.r.l. - P.I. 10402470016 - Reg. Trib. di Torino n°25/2011 - Direttore responsabile: Bruno Babando - Coordinamento redazionale: Oscar Serra - © Riproduzione riservata salvo consenso della direzione - Contatti e comunicati: redazione@lospiffero.com - Pubblicità: commerciale@lospiffero.com