BORSA & BORSEGGIO

AAA cercasi giustizia in Unipol-Fonsai

Pubblicato Sabato 20 Aprile 2013, ore 8,41

L'acronimo sta per "Associazione Azionisti Attivi", nata per tutelare i piccoli risparmiatori delle due compagnie assicurative, danneggiati dagli aumenti di capitale. C'è chi ha perso il 99% del capitale investito. Una nuova Parmalat di cui però nessuno parla

Una mattanza di avannotti finiti in bocca ai pescicani della finanza. Risultato: risparmiatori dissanguati. La vicenda è quella relativa alla fusione Unipol- Fondiaria Sai, le due compagnie assicurative che nell’estate del 2012 hanno provveduto a un aumento di capitale enorme, di dimensioni spropositate. Successivamente a tale operazione, che ha bruciato gli investimenti di centinaia di piccoli risparmiatori in pochi giorni, noltissimi piemontesi, Unipol ha acquistato Fonsai. Tutti contenti, soprattutto le banche creditrici che hanno salvato i loro soldi (grazie ai 2,2 miliardi di ricapitalizzazione) e, ovviamente, i nuovi padroni del colosso finito nelle loro mani. A farne le spese, come nella vicenda Parmalat, i piccoli azionisti che hanno visto eroso il capitale investito fino al 99%. Già, perché in quelle concitate settimane di “salvataggio” le azioni Unipol vengono svalutate di quasi il 90% (la scelta è stata tra rimettere mano al portafoglio, sborsando altro denaro, oppure rassegnarsi a veder crollare le proprie azioni a un valore di 11,5 euro), peggio è capitato ai possessori di titoli Fonsai (costretti ad accettare un concambio di 252 a 1 o accettare il deprezzamento a 1,18 euro).

 

Un nucleo di soci fondatori, formato da azionisti danneggiati dagli aumenti di capitale, con l’assistenza e la collaborazione di esperti in materie giuridiche, economiche e finanziarie, ha dato vita nei giorni scorsi, presso lo studio del notaio Barbara Lombardo in Milano, all’Associazione Azionisti Attivi. «La scelta – spiegano i promotori - è stata dettata dalla volontà di non rassegnarsi al ruolo di vittime o di semplici spettatori in una vicenda che li ha colpiti duramente e direttamente, ma di essere protagonisti attivi nella lotta che li contrappone alle due società. Il tutto con la determinazione, l’attivismo, la grinta e, diciamolo, anche la rabbia, di chi è stato colpito in prima persona». Una vera e propria “guerra” che verrà combattuta su tutti i fronti: «non solo quello della sensibilizzazione della Magistratura al caso, e dell’azione legale, ma della denuncia mediatica in ogni sede possibile, istituzionale o privata».

Commenti (1) Commenti Commenta scrivi

Inserisci un commento

Invio
come vi posso contattare ?
Romy, 09.06.2013 18:13

Sono anch'io azionista Unipol interessata all'azione legale, come vi posso contattare ?

Delicious
I più letti del Marciapiede
Mentre ancora tengono banco le parole di ieri dell'ad ("Esco da tutto"), la riorganizzazione interna subisce un rinvio. Ennesimo segnale dell'impasse...Articolo completo
I poteri rantolanti della città avvertono sinistri scricchiolii nelle loro casematte e tentano uno strenuo riposizionamento, spolverando il salotto...Articolo completo
Il governo sta studiando un "protocollo" per arginare lo strapotere degli enti nati dalla famosa legge Amato. Ridurre le partecipazioni nelle banche,...Articolo completo
Il numero uno Gatti delinea il nuovo ruolo della finanziaria regionale: "Attrarre risorse, agevolare investimenti, sostenere il tessuto imprenditorial...Articolo completo
Chiuse 33 filiali della Banca Regionale Europea. A rischio 15mila clienti nella sola Cuneo e molti posti di lavoro. Questi i frutti delle nomine fatt...Articolo completo
Frode fiscale, ostacolo alle attività di vigilanza, appropriazione indebita: questi i reati ipotizzati dalla Procura di Torino. Il presidente Falco e...Articolo completo
Altre notizie del Marciapiede
In un decennio sono quasi il 10% della popolazione. Nella media sono "ottimamente integrati e usufruiscono dei servizi", afferma il prefetto di Torino...Articolo completo
Sono calate del 25% le opere previste nella programmazione triennale degli enti pubblici territoriali piemontesi nel periodo 2013-2015. Un rapporto me...Articolo completo
Dopo la bufera giudiziaria che si è abbattuta sulla Cassa di Risparmio di Cuneo, i radicali chiedono di tagliare i legami tra gli istituti di credito...Articolo completo
Il grido d'allarme del presidente del Collegio costruttori di Torino Cherio: "Sbloccare i crediti e diminuire le tasse". Nel 2014 investimenti calati...Articolo completo
L'Associazione azionisti della banca chiede "un passo indietro" dopo che il presidente Falco e sei consiglieri della Fondazione Crc sono indagati per...Articolo completo
Frode fiscale, ostacolo alle attività di vigilanza, appropriazione indebita: questi i reati ipotizzati dalla Procura di Torino. Il presidente Falco e...Articolo completo
Lo Spiffero s.r.l. - P.I. 10402470016 - Reg. Trib. di Torino n°25/2011 - Direttore responsabile: Bruno Babando - Coordinamento redazionale: Oscar Serra - © Riproduzione riservata salvo consenso della direzione - Contatti e comunicati: redazione@lospiffero.com - Pubblicità: commerciale@lospiffero.com