VERSO IL VOTO

Rosso chiama a raccolta (indifferenziata)

L’ex leghista Borgarello, gli ex dipietristi Petrarulo e Cermignani, gli ex Pdl e Forza Italia Cifarelli e Puglisi. Tutti in lista con l'ex (pure lui) sottosegretario berlusconiano in corsa per il Comune di Torino. La tensione è alta e ogni tanto i nervi saltano – VIDEO

Sono in gran parte esuli di un partito, scovati da Roberto Rosso intenti a peregrinare nel bosco, e più spesso nel sottobosxco, della politica subalpina. L’ex sottosegretario li ha recuperati, blanditi quanto basta, motivati e messi in lista. Dopotutto non è anche lui un diseredato della corte di Arcore? Tra i 40 nomi che compaiono nella civica che riporta il suo nome, compaiono “ex” di ogni dove, tutti (o quasi) ormai disconosciuti dai rispettivi vertici. A guidare la pattuglia c’è Patrizia Borgarello, già consigliere provinciale a Torino con la Lega Nord, assurta alle cronache cittadine per aver patrocinato i ricorsi sulle firme false contro il Partito democratico. A San Valentino ha presenziato al congresso che ha eletto Riccardo Molinari segretario "nazionale", qualche settimana dopo ha annunciato la sua candidatura con l’ex sottosegretario di Silvio Berlusconi. In via Poggio guai anche solo a pronunciare il suo nome.

 

Sulle prospettive future lo scenario è più che mai aperto: “Con un nome forte, il centrodestra può arrivare al ballottaggio. Se lo si trova, magari con un sondaggio dal momento che non c’è più tempo per le primarie, sono pronto a ritirare la mia candidatura” ha detto Rosso durante l’incontro odierno, rilanciando il suo progetto di “centro liberale democratico di ispirazione cristiana”.

 

In corsa anche due suoi ex compagni di banco a Palazzo Cisterna, Raffaele Petrarulo e Roberto Cermignani (il Bellicapelli della politica casalinga, già ispiratore nelle ultime regionali della lista civetta "Chiamiamolo per il Piemonte", scimmiottando quella del candidato del centrosinistra “Chiamparino per il Piemonte”), entrambi provenienti dall’Italia dei Valori, prima di varcare il Rubicone e passare con il Centrodestra. E dal Consiglio provinciale arriva anche Ettore Puglisi, luogotenente fittiano a Torino e per questo espulso dal segretario regionale Gilberto Pichetto. A proposito di girovaghi della politica, ecco Mario Cifarelli, consigliere comunale a Torino dal 1997 al 2001 con Forza Italia, poi passato nei Moderati, con cui si è candidato alle regionali nel 2014, oggi nuovamente nel centrodestra. C’è anche una giornalista, Paola Gatti, già volto di Quartarete, poi finita a collaborare con l'allora vicepresidente della Regione Paolo Peveraro, e ora decisa a scendere in prima persona nell’agone politico.

 

A ROSSO SALTANO I NERVI

 

E poi una serie di ex candidati e consiglieri di circoscrizione come Domenico Angelino,ex Pdl, consigliere uscente della Circoscrizione II, Michele Iannetti, della III, sostenitore di Fitto come Puglisi, Graziella Elena Poggio, alla I nel Pdl, vicina all’ex consigliere regionale Fabrizio Comba, Carlo Acierno, responsabile dei senior di Forza Italia, anche lui fuoriuscito dopo l’adesione al movimento di Fitto. Candidati in circoscrizione cinque anni fa anche Flavio Avanzi e Alessandro Carmazzi. Al momento, al fianco di Rosso c'è almeno un'altra formazione, quella dell'Udc, ma si vocifera anche di una serie di listerelle ancora in gestazione. Tra chi, invece, non si presenterà, contrariamente a quanto affermato in un primo tempo, c’è Michele Maccagnino, patron di Torino Erotica, il portale di annunci a luci rosse, che in un video spiega la sua rinuncia perché “la politica non fa per me, sono troppo onesto” ma poi conferma la sua amicizia per Rosso, “una persona che stimo e voglio appoggiare”. 

print_icon

11 Commenti

  1. avatar-4
    18:32 Mercoledì 13 Aprile 2016 LuigiPiccolo Hahaha

    Certo Viale non lo sapevi ?? Rosso e Rizzo e la nuova cordata per fare fuori i radicali liberi visto che la papaya fermentata e poco efficace.

  2. avatar-4
    16:41 Mercoledì 13 Aprile 2016 silvioviale MILOSECIVC

    Non sapevo che Roberto Rosso fosse sostenitore di Milosevic, che massacrava bosniaci e Kossovari ... Che sia pronto un apparentamento con Marco Rizzo?

  3. avatar-4
    15:31 Mercoledì 13 Aprile 2016 Roberto rosso Solo per chiarezza verso chi legge

    A proposito del mio CV: ho conseguito la miglior laurea della Facoltà di giurisprudenza di Torino nel biennio con 24 trenta lode su 27 esami sostenuti,mi sono laureato a 24 anni con 110 lode.Ho fatto pratica a Torino in uno dei più prestigiosi Studi Legali italianiSono stato eletto con i voti dei cittadini a 33 anni in Parlamento.A me si deve la creazione della seconda Università degli Studi del Piemonte a Vercelli,Novara ed Alessandria.A me e a pochi altri colleghi si devono la legge per gli alluvionati in Piemonte del '94 e 2000.Si deve a me la distribuzione su tutte le Provincie del Piemonte per i fondi per la cultura e il turismo in relazione alle olimpiadi invernali del 2006.Ho fatto partire in alcune zone del Piemonte la riqualificazione di aree depresse con incentivi a favore delle imprese e dei lavoratori.Siccome sono leale ma non servo,ho votato, in dissenso dal mio Partito, contro: l'intervento in guerra contro la Serbia voluto dagli americani, contro l'intervento militare americano in Iraq,e unico deputato di Forza Italia,contro il Porcellum che faceva nominare deputati e senatori dai capi partito anzichè dai cittadini.

  4. avatar-4
    12:26 Mercoledì 13 Aprile 2016 Il giusto MA rosso.. cos' ha fatto di buono politicamente nel suo CV?

    Rosso serve a far Vincere la Appendino..ne siete consapevoli?tanti manifesti non rappresentano tanti voti!!!!La gente su che CV lo giudicher

  5. avatar-4
    10:21 Mercoledì 13 Aprile 2016 moschettiere Replica

    Se la gente parlasse (e commentasse) solo sui fatti che conosce, sarebbe tutto più semplice. Rettifico una incomprensione: non sostengo la teoria della "verginità politica" e ritengo che cambiare posizione o idea può essere segno di avvedutezza. Vale per Rosso e per tutti. Ma occorre prendere in conto tutti i fattori entrati in gioco, e dunque non sempre è avvedutezza... Una piccola parentesi per il Birbante: io invece non insulto mai, anche quelli che forse lo meriterebbero. Insultare è da incivili: io dico la verità e parlo solo di ciò che ben conosco: spesso è anche peggio di un insulto, ma resta il fatto che chi ingiuria è evidente che non ha argomenti...

  6. avatar-4
    09:17 Mercoledì 13 Aprile 2016 Bandito Libero la Borgarello E' in assoluta buona fede! I suoi detrattori NO.

    Invece è proprio il contrario di quanto affermi tu, moschettiere-cretino (adesso per un po' ti chiamerò così, visto che minacci querele impossibili..). La Borgarello è stata messa alla porta dai suoi detrattori in Lega, invidiosi della sua iniziativa politica e del suo coraggio. Erano i primi fans di ChiampaPinocchio dalla firme false, letteralmente terrorizzati dal ricorso sulle firme false. E' stata una scelta obbligata. Io al suo posto non l'avrei fatta, ma lei è fatta così. E forse ha ragione lei.

  7. avatar-4
    07:06 Mercoledì 13 Aprile 2016 Il pirla Moschettiere

    Hai finito di elargire cagate gratuitamente ? Visto che hai la dote della stupidità fatti almeno fatti pagare.

  8. avatar-4
    00:20 Mercoledì 13 Aprile 2016 daniele galli tutti vergini nelle altre liste ???

    Chi si riconosce nell' azione di Rosso fa benissimo nel mettersi democraticamente in gioco. Non vorrei che ad personam verso la civica di Rosso, si prospetti la strana teoria o dogma "dell' obbligo unilaterale e indissolubile di fedeltà verso il partito di precedente iscrizione", con possibiltà di scioglimento dal vincolo solo tramite Sacra Rota. Dai per favore ........

  9. avatar-4
    21:02 Martedì 12 Aprile 2016 ordalia2013 AVERNE DI COMPETITOR COME ROSSO

    E per prima cosa, mi raccomando, cambia nome a Corso unione Sovietica ché i torinesi non sognano altro da un Sindaco ....

  10. avatar-4
    19:07 Martedì 12 Aprile 2016 gattonero in sostanza....

    una pattumiera. W l'Italia....

  11. avatar-4
    18:34 Martedì 12 Aprile 2016 moschettiere Domanda (...anche il nostro Birbante Innamorato)

    Bene. Si fa per dire, ovviamente. Adesso, tra le tante domande in questa "valle di lacrime" c'è ancora qualche ingenuo che crede alla buona fede della Borgarello (e similia) e della loro fulgida fede alla "buona e onesta causa" scevra da interessi e tornaconti personali? Io ero poi quello che le cose non le aveva capite?

Inserisci un commento