CAMPANILI

“Un piano per boicottare Torino”

Secondo i parlamentari dei Cinquestelle il governo persegue un disegno per “salvare” Milano ai danni dell’amministrazione pentastellata della Mole. Un decreto per tappare i buchi della città metropolitana meneghina

“Altro che correttezza istituzionale. Da una parte Renzi e il suo governo si preparano a salvare il sindaco del Pd Giuseppe Sala con un decreto che copre 1,5 miliardi di buco della Città metropolitana meneghina, dall’altra il suo ministro alla Cultura Dario Franceschini scarica Torino e la giunta del M5s nella partita del Salone del Libro, favorendo ancora una volta Milano. È questa la terzietà di cui il premier si riempie spesso la bocca?”. Lo denunciano in una nota i deputati del M5s. “A Palazzo Chigi - sottolineano in particolare la capogruppo Cinquestelle alla Camera Laura Castelli e il portavoce Ivan Della Valle - è in cottura un provvedimento che è una vergognosa ciambella di salvataggio lanciata ai soliti amichetti e compagni di merende. Chissà cosa faranno i parlamentari Pd quando dovranno votare l’ennesima schifezza di stampo clientelare. E chissà cosa ne pensano gli elettori del Pd di Torino, visto che il governo penalizza tutti”.

In realtà il miliardo e mezzo cui si riferiscono i due deputati pentastellati è un piano d'investimenti pluriennale e non direttamente ha a che fare con i debiti della Città metropolitana di Milano, ma comunque ad alcuni pare evidente che in questa fase Torino potrebbe scontare, oltre alle proprie debolezze, anche la scarsa sintonia politica con Palazzo Chigi.

“Il presidente del Consiglio - conclude la nota M5s - ci spiega che il colore politico non c’entra, ma intanto assistiamo a un uso dei fondi pubblici come fossero un affare di partito. Evidentemente Renzi è alla disperata ricerca di consenso sul fronte del voto referendario, perché sente ormai la terra franargli sotto i piedi”.

print_icon

3 Commenti

  1. avatar-4
    21:51 Giovedì 22 Settembre 2016 giacomo_b ...e le scie chimiche?

    scie chimiche in via Nizza segnalate dall'assessorato alla cultura, il gruppo Bilderberg che trama dentro Palazzo del Lavoro segnalato dall'assessore al commercio, Il Myriophyllum nel Po scovato dall'assessorato ai trasporti, l'assessore all'istruzione doveva compilare la parte del salone del libro ma ha sbagliato a compilare il modulo di segnalazione complotti......insomma di complotti e nemici se ne trovano sempre per distogliere l'attenzione all'appello manca solo la Massoneria!

  2. avatar-4
    17:55 Giovedì 22 Settembre 2016 Ermy Già iniziano a trovar scuse...

    Invece di accampar le solite scuse (ora anche in maniera preventiva) iniziassero a studiar per governare la città... non è che possono far sempre tutto gli altri...

  3. avatar-4
    13:52 Giovedì 22 Settembre 2016 tandem Normale

    Ciò ampiamente prevedibile da parte del PD e alleati....

Inserisci un commento