Mostre: Napoli (FI), non è la Asproni che si deve dimettere

"Il rischio che salti la mostra su Manet come conclusione della trilogia sull'impressionismo francese non è responsabilità della direttrice della Fondazione Musei civici. Se c'è qualcuno che dovrebbe rassegnare le dimissioni per salvaguardare la dignità di Torino credo che sia proprio il sindaco". Così, in una nota, il capogruppo di Forza Italia al Comune di Torino, Osvaldo Napoli. "Patrizia Asproni ha chiesto di incontrare il sindaco oltre tre mesi fa" e "per tutta risposta le è stato fissato un appuntamento con il sindaco il 24 ottobre - osserva Napoli -. La signora Appendino, come si sa, è troppo impegnata nell'attività del movimento Cinquestelle, trova tempo per ricevere Grillo in Comune o andare a Roma per solidarizzare con la sua collega Raggi. Trovasse un po' di tempo anche per amministrare Torino non sarebbe male. Magari avrebbe potuto salvare il Salone del Libro o convincere Ryanair a potenziare la rotta Torino-Roma", aggiunge l'esponente azzurro, che accusa la prima cittadina di "superficialità". E ricorda che la Fondazione ha tre soci: "la Regione Piemonte, Città di Torino, Crt e Intesa Sanpaolo - sottolinea - e tutti siedono nel CdA della Fondazione. Il loro parere conta qualcosa prima di decidere chi dimettere. Il Comune di Torino non ha ancora nominato il proprio rappresentante all'interno della Fondazione. La signora Appendino dovrebbe studiare un po' di piu' e limitarsi nelle esternazioni"

print_icon