Napoli (FI), giunta grillina non guarda all'Europa

"L'informazione concede grande risalto al ricorso al Tar presentato dalle opposizioni sul bilancio di previsione. Io sono un po' più cauto e dico che quel ricorso è quasi un atto dovuto, le cui conseguenze potremo misurare più avanti. A preoccuparmi è invece lo scarso respiro della giunta pentastellata, tutta chiusa in una logica territoriale e minimalista". Lo sostiene, in una nota, il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Osvaldo Napoli. "Quando leggo del sindaco di Milano e del governatore della Lombardia che volano a Londra e si ingegnano di portare nel capoluogo lombardo l'agenzia europea del farmaco o di trasferirvi le attività finanziarie che si preparano a lasciare la City londinese, mi fermo a pensare - aggiunge l'esponente azzurro -. E mi chiedo perché mai tanto disinteresse dell'amministrazione grillina per le opportunità che la Brexit pure offre agli altri Paesi europei. Mi chiedo, ad esempio, se questa logica territoriale e campanilistica non sia anch'essa un modo per manifestare l'avversione dei Cinquestelle verso l'Europa e l'euro. Sta di fatto che il sindaco non ha mosso un dito quando Torino veniva spogliata del Salone del Libro, né adesso muove un dito per cercare di cogliere le opportunità che si aprono in Europa. Tanto disinteresse per quello che accade oltre le mura comunali è l'altra faccia della 'decrescita felice' cara all'ideologia grillina - conclude -. Una decrescita scritta nelle cifre del bilancio comunale che punisce i torinesi per l'unico torto avuto di votare una giunta Cinquestelle".

print_icon