(5) STELLE CADENTI

I primi 500 giorni di Appendino training autogeno dei grillini

I consiglieri M5s della Sala Rossa rivendicano i meriti dell'amministrazione e ribadiscono fiducia incondizionata verso la loro sindaca, "donna forte, preparata e determinata". Sperando così di contrastare il clima negativo e scongiurare colpi di testa

Tira una brutta aria sotto la Mole per i Cinquestelle, e non a causa dello smog. La popolarità dell’ammistrazione grillina è ai minimi storici e nelle stesse fila del Movimento inizia a serpeggiare il timore che Chiara Appendino possa non reggere a tensioni e stress. Occorre un’iniezione di fiducia, una sorta di training autogeno per contrastare l’insoddisfazione dell’opinione pubblica e, soprattutto, scongiurare “colpi di testa” della prima cittadina. Timori alimentati anche da alcune indiscrezioni che raccontano di un “gabinetto di crisi” che si sarebbe tenuto giovedì scorso, una riunione ristretta, a cui avrebbero preso parte il papà della sindaca, Domenico Appendino, il marito Marco Lavatelli e pochi altri “intimi”: attorno a quel tavolo si sarebbe presa in considerazione, per la prima volta, l’ipotesi di gettare la spugna “prima che ti massacrino”, avrebbe consigliato qualcuno. È la tesi di che le vuol bene, di chi antepone Chiara alle sorti del Movimento 5 stelle. Di chi non si pone il problema delle elezioni politiche e della tenuta dei grillini. Vero, falso, verosimile? Chissà, di certo il fatto che circoli con insistenza testimonia il clima teso attorno alla prima cittadina. Da qui la dichiarazione di “fiducia verso la sindaca e la giunta, a cui non faremo mancare il nostro sostegno e il nostro entusiasmo nel voler rendere migliore la nostra Città”, scrivono i consiglieri pentastellati.

Il gruppo consiliare del M5s fa quadrato intorno alla sindaca. In un post su facebook, intitolato “500 giorni”, gli eletti della Sala Rossa stilano un bilancio dell’operato della prima cittadina, definita “una donna forte, preparata e determinata”. I grillini in Consiglio puntano il dito contro la “disperata situazione finanziaria della Città, nascosta per anni dalla narrazione unica di un costante sviluppo fatto di feste e grandi eventi” e parlano di “500 giorni in cui si è messo a punto un piano di rientro credibile”, “in cui è stato salvato e rilanciato il Salone del Libro, in cui è stata avviata la riorganizzazione della macchina comunale, la revisione del Piano Regolatore, la messa a punto di progetti di rigenerazione urbana a partire dalla manutenzione diffusa di strade e marciapiedi, l’avvio di una progettazione per il superamento dei campi rom e della delicata situazione delle ex palazzine olimpiche del Moi oggi occupate da più di mille persone senza casa, l’avvio di una politica per la mobilità sostenibile ed elettrica, la gestione condivisa dei beni comuni urbani tramite patti di collaborazione tra amministrazione e cittadini, e tanto altro”.

Non mancano le critiche all’opposizione “tanto frustrata quanto menzognera, spesso colpevole della situazione che ci siamo trovati ad affrontare e incapace di concepire la diatriba politica al di fuori di sciacallaggi ed esposti giudiziari” e gli strali contro “un’informazione servile al vecchio sistema di potere politico ed economico che a lungo ha governato la città”.

print_icon

8 Commenti

  1. avatar-4
    08:01 Mercoledì 08 Novembre 2017 dedocapellano Fare il tagliando al Comune di Torino

    La frizione "slitta" quando è ormai consumata e quindi è necessario sostituirla...... Così come si deve sostituire un sindaco usurato o rotto!

  2. avatar-4
    18:21 Martedì 07 Novembre 2017 Paladino Stupefacente!

    Uno non sa se commuoversi o chiamare uno psichiatra (con vigili urbani che ti prendono "delicatamente" per il collo...) a vedere che esiste qualcuno che difende ancora l'Appendino che in un tempo minimo con la collaborazione di personaggi scelti da lei è riuscita ad allineare una serie di errori e gaffe incredibile, alienandosi il favore di due terzi della città. Costoro meritano il premio al concorso cinofilo per la fedeltà canina.....

  3. avatar-4
    16:27 Martedì 07 Novembre 2017 PELDICAROTA SE INVECE DI APPENDINO

    mi proponessero Pizzarotti come sindaco lo voterei subito. Ha dimostrato di essere capace. E'per questo motivo che Grillo e tutti ii cirenei e sicofanti che lo servono lo hanno cacciato dal movimento.

  4. avatar-4
    13:47 Martedì 07 Novembre 2017 tandem Per Volta-aire

    Fate furb, e studia bin chi c'a l'era Voltaire.....

  5. avatar-4
    12:04 Martedì 07 Novembre 2017 voltaire IL MINIMO ALTO, LA FRISIUN CA' SLITA

    è very very cool assistere ai fenomeni da turbamento (col minimo alto) del cantun di barbutùn in tandem col cappellano a due valvole cui slitta la frizione....

  6. avatar-4
    11:33 Martedì 07 Novembre 2017 abrecu 500 giorni

    Rivendicano cosa, di aver cacciato Anna Tornoni per avere espresso perplessità sul bilancio,cacciato la dott Asproni per poter meglio azzerare la cultura,il superamento della questione MOI è affidata ad un dirigente scelto e pagato con denaro di una fondazione bancaria che finanzia l'operazione,nei campi rom continuano i roghi,la manutenzione diffusa è merito di denaro statale per le periferie ottenuto da Fassino,sulla mobilità risultano solamente tagli selvaggi alle corse,ecc ecc

  7. avatar-4
    11:25 Martedì 07 Novembre 2017 tandem Se a loro piace...

    Se ai grillini piace raccontarsi una bella storia, buon pro gli faccia. Però sarà molto più difficile raccontarlo agli elettori che a quanto si sente in giro sono moooolto incazzati.....

  8. avatar-4
    10:49 Martedì 07 Novembre 2017 dedocapellano Appendino è "Sistema Torino"

    Appendino è "sistema Torino"Appendino è "sistema Torino"Appendino è "sistema Torino"Appendino è "sistema Torino"Appendino è "sistema Torino"Appendino è "sistema Torino"Appendino è "sistema Torino"Appendino è "sistema Torino"...................................................

Inserisci un commento