Monge

No Tax area, si può fare

Quando si parla di riforme giustamente ci si preoccupa dei costi, ma esiste anche la possibilità di farne alcune con costi ridotti o nulli. Per esempio un allargamento della no tax area con una sua semplificazione potrebbe avere dei costi bassi, mentre se la si volesse rendere un po' più sostanziosa la si potrebbe finanziare eliminando i famosi 80 euro di Renzi.

In realtà, i redditi molto bassi grazie all'effetto combinato di aliquota bassa e detrazioni varie non versano quasi niente di Irpef. Si potrebbe allargare la no tax area senza grossi costi e riducendo il numero di persone che deve presentare la dichiarazione diminuendo il lavoro per l'agenzia delle entrate e il lavoro per i Caf. Bisogna considerare che lo Stato rimborsa ai Caf una certa cifra per ogni 730 compilato. Delle no tax area già esistono, ma sono differenziate in base al tipo di reddito.

Una semplificazione che permettesse di avere una no tax area per tutti i tipi di reddito potrebbe rendere più facile la vita ai contribuenti e avere un costo limitato. Per esempio è stabilita una no tax area per i pensionati pari a 8125 euro, una per i dipendenti di 8000, una per i terreni agricoli pari a 185,92 e così via. Una selva di regole in cui è difficile districarsi. Se si stabilisse una no tax area valida per ogni tipo di reddito e si desse la possibilità di non presentare la dichiarazione dei redditi a chi rientrasse nella fascia della no tax area si avrebbe una prima significativa semplificazione.

Molti contribuenti che hanno un basso reddito e versano poca Irpef non riescono a utilizzare tutte le detrazioni e deduzioni di cui avrebbero diritto perché superiori alle tasse versate. In alcuni casi non hanno neanche la convenienza a presentare la dichiarazione dei redditi perché risulterebbe più faticoso e costoso di quanto si riuscirebbe a recuperare. Con una no tax area il numero di questo tipo di contribuente aumenterebbe e pertanto ci sarebbe da un lato meno Irpef incassata, ma dall’altro lato meno sconti fiscali. Lo stesso ragionamento applicato alle aliquote più basse permetterebbe di limarle, perché parte dei contribuenti si troverebbe nella situazione di non poter presentare detrazioni e oneri deducibili mancando Irpef da rimborsare.

Calibrando una no tax area non troppo ampia e una limatura dell’aliquota Irpef più bassa si potrebbe avere un minimo accenno di riforma nel senso della semplificazione degli obblighi burocratici.

print_icon