Could not execute. Error: 144Could not execute. Error: 144

De Tomaso: esce di scena Cacciatori,

il gran burattinaio pubblico-privato

Pubblicato Domenica 28 Agosto 2011, ore 8,00

Da presidente di Finpiemonte ha acquisito i capannoni di Pininfarina e poi li ha affittati alla società di Rossignolo, nel cui cda è entrato poco tempo dopo. A fine luglio le dimissioni

TRIMURTI famiglia Rossignolo

L’ultimo a lasciare la tolda della De Tomaso è  Fabio Massimo Cacciatori. Proprio lui, il regista dell’operazione Pininfarina, il deus ex machina - con l’allora assessore Andrea Bairati – del piano di trasferimento degli impianti grugliaschesi alla famiglia Rossignolo, il gran burattinaio che dietro le quinte ha tirato i fili di tanti (troppi) interessi. Il manager, ex presidente di Finpiemonte Partecipazioni, poi nominato in quota Fidi Toscana all’interno del Consiglio d’amministrazione della società guidata dalla famiglia Rossignolo, ha lasciato l'incarico. Un intreccio, dai risvolti ancora oscuri, che presta il fianco a ogni più faziosa interpretazione.

 

Nell’ottobre 2009 Cacciatori fu tra i registi dell’operazione che consentì alla costituenda De Tomaso di stabilirsi nei capannoni della Pininfarina. Fu lui a gestire la trattativa che portò l’azienda ad affittare proprio dalla finanziaria della Regione gli stabilimenti a un canone di circa 700 mila euro l’anno. «Un prezzo di favore per favorire la fase di start-up del progetto» spiega proprio Cacciatori, raggiunto al telefono dallo Spiffero. Il contratto prevede un periodo massimo di gestazione valutato in sei anni: «Dopodiché la proprietà si era detta disponibile ad acquisire altri terreni della Finpiemonte per proseguire la produzione altrove. Anche perché il canone d’affitto sarebbe altrimenti raddoppiato, uniformandosi a un prezzo di mercato». E quale vocazione avrebbe conservato quell’area? «In assenza di altri investitori, sarebbe stata ripensata, magari attraverso una variante al Piano regolatore che la trasformasse da industriale a residenziale» rivela ancora il manager. Dopo circa un anno dalla chiusura del contratto, Cacciatori viene nominato nel Cda De Tomaso, nel quale, però, resterà solo pochi mesi, prima di dimettersi all’inizio dello scorso luglio, dimissioni ratificate nel consiglio di amministrazione di fine mese, ufficialmente «perché non avevo il tempo necessario per prodigarmi allo sviluppo del progetto».

 

Resta il fatto che la triangolazione Piemonte-Toscana-Rossignolo vede in ogni vertice, seppur in tempi diversi, il nome di Cacciatori: una geometria di cariche e interessi su cui occorrerebbe fare chiarezza. Pare quanto mai singolare, infatti, che chi ha gestito per conto di un ente pubblico la delicata transizione degli storici capannoni della Pininfarina (sborsando una fraccata di denaro della collettività) vada poi a offrire i propri servigi all’azienda destinataria delle decisioni, e per di più in nome e per conto di una società, la Fidi Toscana, a sua volta dispensatrice di copiosi fondi al gruppo Rossignolo per lo stabilimento di Livorno.

 

Cacciatori credeva davvero nella buona riuscita del progetto per la produzione della Deauville? «Ci credo tutt’ora – assicura – c’è una possibilità interessante di redditività, ma che non può prescindere da un investimento da parte di chi l’ha proposta. Senza capitale non si può procedere». Quel capitale che la Iai di Rossignolo non ha mai versato interamente nella De Tomaso, nonostante le «pressioni che facemmo all’interno del Cda».

 

Giovedì prossimo l’ennesimo tavolo tra enti locali, rappresentanti dei lavoratori e vertici aziendali servirà per dirimere una situazione quanto mai fluida e incerta. Da piazza Castello trapela la notizia che non ci siano più molti spazi di trattativa. Questa volta non basteranno fumose promesse, i Rossignolo dovranno mettere sul piatto un piano industriale e i capitali per renderlo esecutivo. Altrimenti meglio pensare al già evocato piano B.  

Delicious
I più letti del Buco della serratura
Donato, uno degli arrestati nell'operazione San Michele, è iscritto al circolo di Venaria. Secondo la sua segretaria pensava molto alla politica. Mor...Articolo completo
Paradossalmente l’abolizione del vitalizio fa lievitare la busta paga degli eletti a Palazzo Lascaris: 1.600 euro in più a testa. La denuncia del M...Articolo completo
In attesa della grande abbuffata delle nomine l’appetito viene stimolato dall’antipasto: una decina di partecipate di Finpiemonte devono rinnovare...Articolo completo
Grane per il patron della catena made in Turin. Primo sciopero a Firenze e dipendenti sul piede di guerra in mezza Italia. E spuntano accertamenti sui...Articolo completo
Il gup ha deciso su patteggiamenti e riti abbreviati ma si riserva di esprimersi nelle prossime ore sulle richieste di archiviazione. La pena più ele...Articolo completo
Azzerate le delibere della passata legislatura. Le parole d'ordine saranno programmazione e gestione centralizzata delle risorse. Meno poteri ad Asl e...Articolo completo
Altre notizie del Buco della serratura
Primo via libera in commissione alla riorganizzazione voluta da Chiamparino. Taglio delle direzioni e accorpamento dei settori. Al vertice un segretar...Articolo completo
A Torino scoppia la polemica sull'immagine ritratta nella locandina dell’Internazionale d’Arte LGBTE: un donnone nudo che poggia i piedi su immagi...Articolo completo
Kermesse del Carroccio piemontese a Torino il 6 e 7 settembre. Il partito di Salvini, che sarà presente, si riunisce dopo la deposizione di Cota e il...Articolo completo
Ci sarà anche il segretario regionale Pd Gariglio sabato prossimo all’incontro con il “Camionista” promosso dal suo proconsole alessandrino. Un...Articolo completo
L’amministrazione guidata da Fassino dovrà cedere la maggioranza assoluta dell'azienda rifiuti se vuole mettere al sicuro i propri conti. Ne è con...Articolo completo
Entro la fine del prossimo anno il Piemonte punta a liberarsi dai vincoli del piano di rientro. "Già a ottobre presenteremo conti in regola", assicur...Articolo completo
Lo Spiffero s.r.l. - P.I. 10402470016 - Reg. Trib. di Torino n°25/2011 - Direttore responsabile: Bruno Babando - Coordinamento redazionale: Oscar Serra - © Riproduzione riservata salvo consenso della direzione - Contatti e comunicati: redazione@lospiffero.com - Pubblicità: commerciale@lospiffero.com