Martedì 21 Ottobre 2014, ore 21,06
DISDETTA

Che Gusto c’è senza Renzi

Il premier dà forfait: giovedì non sarà presente a Torino per inaugurare la kermesse gastro-intellettuale Slow Food di Carlin Petrini. E a Roma ci saranno pure Chiamparino e Fassino impegnati nella trattativa sulla finanziaria. Taglio del nastro con controfigure

Matteo Renzi dà forfait: giovedì non sarà a Torino ad inaugurare il Salone del Gusto-Terra Madre. Neppure un mordi e fuggi, manco quell’oretta ipotizzata da qualcuno (i giornali anzitutto) e in mattinata accreditata da misteriose fonti di Palazzo Chigi. Il premier è totalmente assorbito dagli impegni di governo ed è impraticabile qualsivoglia distrazione. E a disertare la cerimonia del tradizionale taglio del nastro al Lingotto Fiere potrebbero add
Articolo completo
21 Ottobre 2014, ore 18,49
PAROLE, OPERE & OMISSIONI

Torino rischia di perdere la metro

Nell'ultima versione della Legge di stabilità scompare il finanziamento della prosecuzione della linea 1 fino a Rivoli e quello per la progettazione della linea 2. Il senatore Esposito (Pd) lancia l'allarme: "Drizzare le antenne". Nuova battaglia in Parlamento

Torino rischia di perdere il metrò. Il governo, infatti, avrebbe cancellato i fondi promessi per il completamento della metropolitana subalpina e contestualmente depennato le risorse da impiegare per realizzare il progetto preliminare della tanto agognata linea 2. L’amara sorpresa è contenuta nella legge di stabilità licenziata dal Consiglio dei Ministri: nel testo, attualmente al vaglio del Quirinale prima dell’avvio dell’iter parlamentare, è sparito il comma 3 dell’articolo 17 che destinava 1 miliardo e 80 milioni per le reti metropolitane delle città metropolitane.   Per Torino signifi... LEGGI TUTTO
scritto da Andrea Martino, presidente Scr Piemonte

Torino-Ceres, procedure rispettate

I criteri di valutazione individuati sono stati redatti attenendosi alle prescrizioni Cipe. Il progetto definitivo varato da Gtt non prevedeva un tunnel in corso Grosseto. Fisiologico un ricorso al Tar per un appalto così importante

Spiace, per l’ennesima volta, dover rilevare come le informazioni apparse nei giorni scorsi su alcuni organi di informazione non rappresentino la realtà. È doveroso, infatti, precisare come ad SCR, istituita nel 2008 e subentrata all’Agenzia Regionale delle Strade - ARES Piemonte, siano state affidate 46 opere stradali di cui alla programmazione 2002. Di detti interventi, 11 sono stati gestiti direttamente dalle Province, in forza di convenzioni sottoscritte in anni precedenti alla costituzione di SCR, limitando il ruolo della Società all’alta sorveglianza. Delle restanti 35 opere, soltanto 16 erano i...Leggi tutto

scritto da Davide Schirru, segretario Provinciale Cisal Torino

Il lavoro al tempo della crisi

Una delle priorità è assicurare il pagamento dei crediti vantati dalle aziende nei confronti delle pubbliche amministrazioni. Bisogna unire le forze: lavoratori e imprenditori devono remare nella stessa direzione. Un confronto promosso sabato scorso dalla Cisal

Si è svolto sabato 18 ottobre presso l’hotel Atlantic di Borgaro il convegno della Cisal dal titolo “Il lavoro al tempo della crisi”, che ha visto susseguirsi gli interventi di Francesco Cavallaro (Segretario Nazionale Cisal), Claudia Porchietto (consigliere regionale ed ex assessore al lavoro con la precedente Giunta Regionale), Carlo Chiama (assessore al lavoro della provincia di Torino) e Domenico Mangone (assessore al lavoro del comune di Torino). Nonostante il pomeriggio estivo, notevole è stata l’affluenza di pubblico, costituito sia da iscritti delle diverse federazioni della Cisal, sia da perso...Leggi tutto

Delicious
Nella diatriba tra Renzi e i presidenti delle Regioni sui tagli agli sprechi della pubblica amministrazione:
Visualizza i risultati
Una faina per Marchionne
Sergio Marchionne ha nominato Andrea Faina responsabile dei servizi finanziari di Fiat Chrysler Automobiles. La designazione è arrivata nelle ultime ore, dopo che Antonio Picca Piccon ha deciso di lasciare l’azienda per “nuove sfide professionali”. Laureato in Economia e commercio a Torino, Faina ha cominciato la sua carriera in Fiat nel 1989 dove si è sempre occupato di finanza internazionale, anche lavorando presso le sedi del Gruppo a Lugano, Madrid e Londra. Nel novembre 2013 era stato chiamato a ricoprire l’incarico di amministratore delegato e d.g. di Fidis, società cui fanno capo le finanziarie che operano in Cina e in America del sud. Faina riporterà direttamente a Richard Palmer, Chief financial officer di Fca.
 
Cose (E)inauditeCose (E)inaudite
Meno Baricco, più libertà
Commentando su Facebook il recente passaggio torinese della superstar degli agenti letterari americani Andrew Wylie, un amico ha scritto giustamente: «Pare che i cialtroni vengano tutti da noi a Torino». Il potentissimo Wylie è stato ospite qualche giorno fa della Scuola Holden, alias casa Baricco (che è uno dei suoi oltre 900 clienti). E dalla nuova sede della Holden nella ex Caserma Cavalli, il nostro ha rilanciato la battagliac... Articolo completo
 
A conti fattiA conti fatti
Accattonaggio istituzionale
Le analisi della Corte dei conti scoprono una voragine nel bilancio della Regione Piemonte – evidentemente ignota agli uffici e controllori regionali – da 2,5 a 8,5 miliardi (c’è, ma l’entità è ancora da definire). Immediatamente, il Presidente Sergio Chiamparino annuncia che, con altri interventi che intende attuare per rimettere in quadro la disastrata finanza regionale, chiederà al Governo un provvedimento straordinario “salva Piemonte... Articolo completo
 
Tipi da OscarTipi da Oscar
Il resistente creativo
Il suo primo romanzo, Questa notte è la mia, edito da Longanesi, si è appena aggiudicato il premio "Angelo Zanibelli" e darà vita ad un film documentario. In cantiere c’è già un secondo libro, storia di ambientazione partigiana. A prima vista, Alberto Damilano sembrerebbe uno scrittore come tanti. Ma i suoi romanzi non nascono dal frenetico movimento delle dita su una tastiera, bensì da un puntatore oculare collegato a un computer: l&rsq... Articolo completo
 
Cronache marxianeCronache marxiane
Quello scontro sulla famiglia tradizionale
In questi giorni la manifestazione delle “Sentinelle in piedi” contro il “ddl Scalfarotto” sull’omofobia e transfobia ha suscitato non poco clamore. Come è noto, un gruppo di cittadini è sceso in piazza per rivendicare l’intoccabilità “biblica” della famiglia naturale. I cittadini si sono piazzati in silenzio e in fila nel bel mezzo delle piazze italiane, con i libri alla mano. Nel mentre, è sopraggiunto un altro gruppo ... Articolo completo
Nella Grande Mela si studia il Bel Paese. La prestigiosa John Jay Low University adotta una efficace rivisitazione di alcuni salienti fatti della storia...Articolo completo
Rinvio a giudizio per il vicepresidente Pd della Giunta e per l'assessora Cerutti (Sel). A processo pure il ca...Articolo completo
Il governatore respinge le dimissioni del suo vice Reschigna e dell’assessore Cerutti, dopo la richiesta di...Articolo completo
Chiuse 33 filiali della Banca Regionale Europea. A rischio 15mila clienti nella sola Cuneo e molti posti di la...Articolo completo
Mentre ancora tengono banco le parole di ieri dell'ad ("Esco da tutto"), la riorganizzazione interna subisce u...Articolo completo
Dopo la rissa a Montecitorio si avvia il procedimento disciplinare verso la parlamentare torinese Bechis. "Sar...Articolo completo
Sospesa la messa in liquidazione di Atc Projet.to, partecipata dell'ente che gestisce le case popolari. Sarà...Articolo completo
Tante Holden (srl, centro studi, art & art) quante servono a incassare contributi pubblici. In questi anni tut...Articolo completo
Opposizione scatenata sulla missione in Giappone di Cassiani, consigliere Pd e presidente della Commissione cu...Articolo completo
Lo Spiffero s.r.l. - P.I. 10402470016 - Reg. Trib. di Torino n°25/2011 - Direttore responsabile: Bruno Babando - Coordinamento redazionale: Oscar Serra - © Riproduzione riservata salvo consenso della direzione - Contatti e comunicati: redazione@lospiffero.com - Pubblicità: commerciale@lospiffero.com