ALTA QUOTA

Fassino fa girare le pale agli investitori

Prima prova a piazzare l’area ex Westinghouse al numero uno di Prelios, grazie ai buoni uffici della famiglia Virano, poi se ne va in elicottero. Da Cannes a Barcellona, continuano le missioni internazionali del sindaco globetrotter

Una cena di lavoro, poca o nulla mondanità, immobiliaristi e finanzieri, amministratori a caccia di investimenti per far quadrare gli smunti bilanci delle loro amministrazioni. È accaduto mercoledì sera, a Cannes, per la precisione in un eslusivo albergo di Cagnes Sur Mer, tra i più luccicanti della Costa Azzurra, a margine dell’edizione 2015 del Mipim, rassegna del mercato immobiliare che riunisce i maggiori player di 93 paesi specializzati in tutti i segmenti del settore. Attovagliati in sala Piero Fassino, affiancato dal fido assessore Stefano Lo Russo e dal direttore del settore Urbanistica Paola Virano, impegnato in un fitto concliabolo con il finanziere Massimo Caputi, top manager del Real Estate e capo operativo di Prelios. Al centro della discussione il nascituro polo commerciale e alberghiero che sorgerà nell’area dell’ex Westinghouse, a cui sarebbe interessato il finanziere chietino, come avrebbe già detto “a Mario”. Una buona notizia! E chi sarà mai 'sto Mario? Vai a vedere che si tratta di Mario Virano, zio della direttora? E a che titolo si sarebbe proposto di fare da intermediario tra il noto immobiliarista e Palazzo Civico? Non si occupa di Tav? Mistero.

 

Ma il pool di via Milano non era l’unico accorso al Mipim con la propria mercanzia e così, nella stessa serata, c’è stato anche chi ha notato un intraprendente Stefano Ambrosini, attivissimo nella sua attività di piazzista, che ha provato a rifilare a tutti le Terme di Acqui di cui è stato designato presidente dalla giunta regionale di Sergio Chiamparino. Missione compiuta? Si vedrà nei prossimi mesi.

 

Intanto, avviato il contatto, Fassino è potuto partire sollevato alla volta di Barcellona, seconda tappa della sua missione internazionale, dove era atteso alla Conferenza sul governo metropolitano e sulla competenza territoriale. Per non fare tardi ha lasciato il Mipim in elicottero, sfruttando il passaggio del viceministro Carlo Calenda. Niente da fare, il Lungo è davvero renziano. 

print_icon