TORINO-ROMA

Appendino: Di Maio premier

La sindaca di Torino auspica la nascita di un governo guidato dal leader grillino: "Ha tutte le capacità per farlo e con lui c'è una buona squadra". Esprime "massima fiducia nel presidente Mattarella"

Chiara Appendino non ha dubbi: “Luigi Di Maio ha tutte le capacità, con la sua squadra, di dare un governo al Paese”. Così, a margine di una conferenza stampa in Municipio, la sindaca di Torino ha risposto a chi le chiedeva un commento sul voto. “Ho massima fiducia nel presidente della Repubblica - ha proseguito - che sicuramente avvierà il percorso previsto”. Da parte di Appendino, dunque, “fiducia in Di Maio e fiducia in Mattarella”. Un cerchiobottismo imposto dalla nuova versione istituzionale dei Cinquestelle, che da settimane occhieggia all’establishment, e fedele allo stile da grillina “bon ton” della prima cittadina subalpina. Un endorsement comunque scontato, soprattutto dopo l'impegno della prima cittadina in campagna elettorale, in cui ha presenziato a incontri con lo stesso capo politico M5s, contattato direttamente o indirettamente papabili candidati e infine fatto circolare un video con un appello al voto per il suo partito. Uno sforzo, tuttavia, non premiato dalle urne, giacché proprio a Torino il Movimento 5 stelle ha ottenuto uno dei risultati più bassi d'Italia, con un 25 per cento di ben sette punti inferiore alla media nazionale.

print_icon

4 Commenti

  1. avatar-4
    18:29 Martedì 06 Marzo 2018 Cronistapresente Erosione delle coste

    Il risultato elettorale 5S che abbiamo tutti sotto agli occhi è solo un'avvisaglia di un bradisismo che a Torino progressivamente e senza sosta sta erodendo il consenso della sindaca da più di un anno a questa parte. Per carità, il bon ton ci va e la sindaca in fatto di educazione è la numero uno pur di non rispondere alle domande cruciali. A questo punto mi chiedo io se è proprio il caso di festeggiare da parte dei Consiglieri 5S in Regione per il risultato raggiunto. Quale risultato? c'è solo l'evidenza che il consenso per i 5S, qui a TORINO, oramai è finito, ed è al ribasso. Ribasso quest'anno per le Politiche, e soprattutto ancor più ribasso l'anno prossimo per le Regionali. Godetevele ancora per poco le vostre poltrone.

  2. avatar-4
    16:46 Martedì 06 Marzo 2018 già... “Un 25 per cento di ben sette punti inferiore alla media nazionale”...Già...

    Ma sarà poi così un gran male?...Perché, scusate se rovino l'idillio, questo Paese è veramente sorprendente per le sue incongruenze. E' singolare infatti che nessuno commenti le percentuali bulgare degli M5S al Sud...Quando il CDX sfiorava tali percentuali si muovevano le migliori menti di quei dieci piani di morbidezza de “lo StraFatto Quotidiano” per dire che quelli erano voti di scambio della mafia, della camorra, della 'ndrangheta, della sacra corona unita e chi più ne ha più ne metta. Ora che (citando i vari “travagliati” di questi anni) gli “stallieri di Arcore” votano in massa per M5S non c'è nessun giornalista illuminato e nessun magistrato disposto ad indagare e ad approfondire l'argomento?...E' singolare no? Comunque se da queste parti non abbiamo tutti questi “stallieri” forse un gran male non è...anche per il M5S piemontese. O no? O quella che fino a ieri veniva travagliatamente descritta come m. ora che è casca a SX è diventata tutt'a un tratto oro?...

  3. avatar-4
    15:04 Martedì 06 Marzo 2018 PoveroDumas Allora...

    Se è così Di Maio sindaco di Torino. E, perché no, Presidente della Regione Piemonte. Ha tutte le non-doti per farlo

  4. avatar-4
    14:11 Martedì 06 Marzo 2018 moschettiere Detto da lei

    "Di Maio ha tutte le capacità per fare il premier..." detto da chi ha dimostrato ampiamente (e il risultato elettorale in Piemonte parla chiaro) di essere un incapace al suo ruolo, è decisamente una garanzia.

Inserisci un commento